Bollinger Bands – come funzionano

26 giugno 2015

Indicatori che passione!

In questo articolo voglio parlarvi di un ottimo valido per il , gli indici e i titoli azionari Cfd, il ( in italiano).

Indicatori che passione!

Cosa sono le Bande di :

Le Bollinger Bands sono uno strumento di per il forex trading inventato da John Bollinger nel 1980. Si tratta di un indicatore di volatilità del mercato, è formato da tre linee, una centrale che è semplicemente una Media Mobile e altre due linee che formano la parte superiore e inferiore di una nube così come mostrato nell’immagine successiva:

 bollinger bands

Le Bollinger bands sono principalmente dei misuratori di volatilità del mercato che grazie all’interazione di medie mobili e deviazioni standard ci danno una buona visione del mercato e precisi allarmi di ipervenduto o ipercomprato.

Come si calcolano le Bollinger Bands:

La banda centrale, come abbiamo già accennato viene calcolata come una semplice media mobile impostata generalmente a un periodo di 2o timeframes.

La banda superiore viene calcolata aggiungendo alla media mobile 2 volte la deviazione standard

La banda superiore viene calcolata sottraendo alla media mobile 2 volte la deviazione standard

 

Come si utilizzano le Bande di Bollinger:

Come abbiamo già detto le bollinger non sono altro che degli indicatori di volatilità del mercato, infatti ogni volta che il prezzo arriva a toccare o addirittura superare la riga superiore ci da un segnale di ipercomprato (al quale molto probabilmente seguirà un movimento contrario che riporterà in basso la linea del prezzo), mentre se le candele del prezzo arrivano a toccare o a superare la banda inferiore ci da un chiaro segnale di ipervenduto consigliandoci quindi di entrare long dato che si suppone che il prezzo prenderà la via del rialzo entro breve.

ipervenduto e ipercomprato

Inoltre c’è da notare che nei momenti di alta volatilità la nube diventa molto ampia mentre nei momenti di poca volatilità dei prezzi la nube bollinger rimane molto stretta. Anche questo è un ottimo indicatore del momento che ci aiuta a valutare meglio la nostra possibile entrata nel mercato.

Quando entrare e quando uscire:

L’entrata può essere al mercato (cioè manuale e immediata) non appena vediamo il prezzo toccare uno dei due estremi della nuvola, se il prezzo tocca la parte alta entriamo short (sell), mentre se il prezzo tocca la banda inferiore entriamo long (buy). In alternativa possiamo programmare la nostra entrata con un buy stop o sell stop a seconda dei casi. Piazzeremo il nostro buy stop subito sotto la banda inferiore o addirittura sopra la barra inferiore o il nostro sell stop subito sopra (o direttamente sopra) la barra superiore della nube bollinger.

bollinger entrata nel mercato

Usciremo dalla posizione non appena il prezzo si avvicinerà o toccherà la banda opposta a quella di partenza, quindi se ad esempio siamo in buy non appena la linea del prezzo toccherà la banda superiore chiuderemo il trade.

Se vogliamo utilizzare un take profit lo piazzeremo sulla banda superiore in caso di buy e nella banda inferiore in caso di sell position.

Che Stop Loss utilizzare:

Se stiamo lavorando con un timeframe molto basso (tipo 15 minuti) non conviene utilizzare uno stop loss perche’ correremmo il rischio di uscire in anticipo dalla posizione perdendo i nostri soldi. Nell’esempio mostrato in figura subito dopo la nostra prima entrata in buy notiamo una candela con un ombra ribassista lunghissima che ci avrebbe sicuramente fatto uscire colpendo il nostro stop loss… Mentre se state lavorando con un grafico daily o di 4 ore potete inserire il vostro stop loss alla stessa distanza che intercorre tra la banda di ingresso (nell’esempio la banda bassa) e la media mobile (quella che sta al centro della nube di bollinger.

Che tipo di grafico utilizzare:

Questo tipo di indicatore può essere utilizzato con qualsiasi time frame, a differenza di altri tipi di indicatori e oscillatori le bollinger band funzionano bene anche con grafici orari o di 15 minuti, ovviamente più il timeframe sarà piccolo e più veloci e di modesta entità risulteranno le operazioni.

Quanto è affidabile questo indicatore:

Come tutti gli strumenti a disposizione dei trader anche le bande di bollinger non sono infallibili, ma se analizzate l’andamento passato di un qualsiasi cross valutario, con le bollinger bands impostate, noterete che il più delle volte il prezzo è letteralmente “rimbalzato” dal margine superiore o inferiore dell’indicatore. Il consiglio che vi diamo è di utilizzarlo in concomitanza ad altri indicatori come ad esempio l’RSI o lo Stochastic per avere una riprova dell’esattezza della “previsione bollingeriana”!

Link Esterni:

Bande di Bollinger su Wikipedia
Bollinger Bands sito ufficiale

Scrivi un commento

*