Analisi tecnica: le medie mobili (moving average)

11 giugno 2015

medie mobili

Cosa sono le

La è uno strumento che, se utilizzato nel modo giusto, può dare grandi soddisfazioni al trader professionista e anche a quello alle prime armi. In pratica si tratta di una media calcolata con le chiusure di un tot di periodi. Per farla breve e semplice immaginate di visualizzare un grafico con un intervallo temporale impostato a 1 giorno (quindi ogni candela rappresenta 1 giorno), e volete sapere la per un periodo di 20 unità, il grafico vi riporterà una linea che attraverserà le medie calcolate in base alle chiusure di ogni candela (e quindi di ogni giornata). Come è ovvio pensare, più l’unità di tempo su cui si calcola la sarà grande e più la linea si manterrà distante dall’andamento delle candele, dato che la media sarà calcolata su un grande periodo di tempo e il più delle volte non corrisponderà con l’esatta posizione delle candele del grafico.

Come si utilizza la media mobile

Il suo uso è molto semplice, ogni piattaforma di forex ormai offre questo strumento (in genere viene citato in inglese: ), vi basterà impostare il periodo di tempo che preferite e verrà tracciata la linea della media mobile sul vostro grafico. A questo punto dovrete vedere dove si trova attualmente la quotazione dello scambio valuta, se si trova sotto la linea della media mobile allora siamo alla presenza di un trend ribassista (e quindi dovremo prendere una posizione short di vendita) mentre se le ultime candele generate saranno al di sopra della linea della media mobile allora ci troveremo alla presenza di un trend rialzista e quindi dovremo assumere una posizione long di acquisto.

Il problema delle medie mobili: i Falsi Segnali

Come ogni cosa (specialmente nel mondo del Forex) c’e’ anche qui un ma…. il problema principale con le medie mobili è in genere rappresentato dai falsi segnali, cioè quei segnali che poi si rivelano inconsistenti e quindi non validi (falsi). Se analizziamo un grafico qualsiasi con la media mobile disegnata sopra ci accorgeremo subito di molte inconsistenze, momenti in cui le candele si trovano sotto la linea della Media Mobile e che dopo un po la superano invece di continuare la loro discesa verso il basso… o viceversa candele che dovrebbero toccare alte vette mentre poi scendono rovinosamente sotto la linea della Moving Average… questi sono i “falsi segnali”.

Come evitare i falsi segnali

Evitare di cadere nella trappola dei falsi segnali è abbastanza semplice, dobbiamo ricorrere all’uso di due medie mobili. Si avete capito bene, dovremo inserire una media mobile con un breve periodo (ad esempio 20 unità di tempo) e una (di diverso colore) con un periodo di tempo molto più ampio (almeno 10 volte l’unità di tempo breve e quindi nel caso nostro 200 unità di tempo). Una volta inserite le due medie mobili dovremo controllare sul grafico i punti in cui la linea della media mobile breve si incrocia con la linea della media mobile lunga, quelli saranno i punti che ci interessano e per sapere che direzione prendere ci basterà guardare che direzione sta tenendo la linea della media mobile corta… se va verso il basso allora lo prenderemo come un segnale ribassista e apriremo una posizione short, mentre se va verso l’alto (superando appunto la linea della media lunga) allora lo interpreteremo come un segnale rialzista e apriremo una posizione long di acquisto. Vi invito a controllare voi stessi quando appena detto… vi accorgerete che il più delle volte questa predizione si rivelerà valida… Utilizzate comunque sempre molto buon senso e ricordate che niente e nessuno è infallibile, quindi potrebbero sempre esserci dei falsi segnali, anche utilizzando 2 medie mobili. (Guarda la figura in alto pagina per maggiori chiarimenti)

Scrivi un commento

*